BEYOND THE ADVANCED PSYCHIATRIC SOCIETY- A COLLECTIVE RESEARCH/ OLTRE LA SOCIETA' PSICHIATRICA AVANZATA- UNA RICERCA COLLETTIVA


cerca nel blog

Follow by Email

venerdì 8 giugno 2012

I mille alla n piani delle realtà [un commento, GC]

(cui dono lepidum novum libellum/ arida pomice modo expolitum?) Ci sono tante lingue e tanti mondi. Credo che anche le singolarità abbondino. Bisogna saperle notare, naturalmente- che è un problema emotivo e anche concettuale. Scoprire/inventare nuovi piani di consistenza, come si diceva (scriveva) in 'Che cos'è la filosofia' di Deleuze e Guattari. Aprire le porte della percezione e contemporaneamente creare modi di essere/agire/rapportarsi. Non è il paradiso; sono i mille alla n piani delle realtà. (Esistono anche inferni, sicuramente- come anche il buddismo ha insegnato- e esiste una infinità di middle-earths, 'terre di mezzo').







1 commento:

  1. Marco Baldino: (8 giugno 7.36.57)
    Erano ottimisti Deleuze & Guattari! Temo - così percepisco - vi sia una sola terra di mezzo in cui si vive tutti, peggiorata dalla possibilità di sognare mille alla n piani di consistenza (mille alla n linee di fuga) e che invece siamo costretti a chiudere le porte della percezione, perché gli inferni non entrino...

    Giacomo Conserva: (8 giugno 7.42.28)
    (uscendo di casa) 'osare sognare/ osare vincere' ???

    Marco Baldino: (8 giugno 9.44.28)
    Anche tu ottimista, Giacomo! Ma io ne ho assoluto piacere. L'ottimismo degli altri non mi suscita invidia, è invece uno dei piani-paradiso di cui parli tu (semplifico con 'paradiso'). Tuttavia, Deleuze ha certamente conosciuto un inferno, che non gli ha permesso di concludere serenamente la propria vita... e questo mi da invece dolore.

    RispondiElimina