BEYOND THE ADVANCED PSYCHIATRIC SOCIETY- A COLLECTIVE RESEARCH/ OLTRE LA SOCIETA' PSICHIATRICA AVANZATA- UNA RICERCA COLLETTIVA


cerca nel blog

Follow by Email

venerdì 13 aprile 2012

“Dolore in bellezza 2012” [Parma, 3 maggio/ 8 giugno]





Con “Dolore in bellezza 2012” prosegue il viaggio, cominciato lo scorso anno, “dentro” l’universo del dolore, attraverso gli occhi di chi l’ha conosciuto e vissuto.

La rassegna 2012 rappresenta l’evoluzione di un progetto nato dal desiderio di costruire contesti di rispetto e co-abitazione nel dolore, di accoglienza e di convergenza dei saperi su di esso perché i pazienti, gli operatori, i care-givers e la collettività si avvicinino maggiormente, in un percorso di accompagnamento sentitocome “comune”. Testi letterari, testimonianze orali, pièces teatrali, illustrazioni, video incentratisulla (auto)narrazione sono anche in questa nuova edizione il linguaggio espressivo che libera il pensiero e tenta il ponte verso l’altro. Le persone sofferenti sono “competenti”, dotate di forte espressività e di visione illuminante sull’ordine-disordine sociale circostante. Al contempo, gli operatori imparano e colgono l’importanza di leggere le “singole storie” e di costruire percorsi sui singoli soggetti della cura. Il progetto, promosso dall’Azienda Usl e dal Dipartimento di Studi e Politiche Sociali dell’Università di Parma, in collaborazione con Fondazione Teatro Due e con il sostegno del Corso di Laurea in Infermieristica, sarà scandito da due momenti differenti ma integrati tra loro: tra maggio e giugno 2012 gli incontri pubblici a Teatro Due e i laboratori formativi saranno le iniziative rivolte rispettivamente alla cittadinanza e agli operatori con l’intento di “partecipare e socializzare” l’esperienza del dolore vissuto nelle sue molteplici forme e creare
nuovi modi di cura.

“Ci vuole molta energia per trasformare il dolore in bellezza da condividere”
(Bianca Tosatti)



GLI INCONTRI PUBBLICI
A Teatro Due, spazio di incontro della città, il tentativo di costruire con la cittadinanza una “opera collettiva” sulla malattia e il dolore. Con la partecipazione di “testimoni competenti”.


3 maggio dalle 18.30 alle 20.30
“DELIRI” di MANGANOTTI | BELFI | ROSSI
Introducono
MARIA INGLESE e VINCENZA PELLEGRINO
Cristina Faccincani, psicoanalista, dialoga con Antonella Moscati, filosofa e scrittrice, sull’esperienza della psicosi. Viene presentata la drammatizzazione ispirata al testo “Deliri” della Moscati a cura di Tommaso Rossi.


24 maggio dalle 18.30 alle 20.30
“FOLLIE RAGIONATE”
Introducono
MARIA INGLESE e MARCO CARDANO
Vincenza Pellegrino presenta il suo libro “Follie Ragionate.
Il male e la cura nelle parole dei pazienti psichiatrici” con letture drammatizzate con Ensemble Attori Teatro Due.


8 giugno ore 20.30
“WIT”
Introducono MARIA INGLESE,
VINCENZA PELLEGRINO e PAOLA DONATI
Dal testo “WIT” di Margaret Edson con Ensemble Attori Teatro Due, mis en espace di Paola Donati.


Info: Gli incontri, pubblici e gratuiti, si svolgeranno a Teatro Due, Viale Basetti 12/A, Parma. È consigliata la confer­ma della presenza alla biglietteria di Teatro Due, tel. 0521.230242




I MODULI FORMATIVI-LABORATORIALI
Dedicati agli operatori che lavorano nelle équipe territoriali del DAI SM-DP. Ad alcuni di questi incontri potranno partecipare gli studenti dei corsi della Facoltà di Sociologia.

3 maggio dalle 14.00 alle 17.00
“VERBALI SULLA PSICOSI”
introducono
MARIA INGLESE e VINCENZA PELLEGRINO
Cristina Faccincani, psicoanalista, e Antonella Moscati, filosofa
e scrittrice, dialogano tra loro e con gli operatori sull’esperienza
della psicosi a partire dal testo “Deliri” della Moscati.


10 maggio dalle 14.00 alle 18.00
“INTRODUZIONE ALLA
NARRAZIONE IN PSICHIATRIA”
Introducono
MARIA INGLESE e VINCENZA PELLEGRINO
Pietro Barbetta, psicoterapeuta e docente universitario, presenta l’esperienza della “narrazione” come strumento
conoscitivo e relazionale sulla malattia psichica.


18 maggio dalle 14.00 alle 18.00
“LA FORMA DELLE STORIE”
Vincenza Pellegrino e Maria Inglese raccolgono le “storie” degli operatori rispetto alla loro esperienza di malattia, dolore, salute, cura e guarigione.


 4 giugno dalle 14.00 alle 18.00
“STORIA DELLA FOLLIA”
Introducono
SERGIO MANGHI e GIACOMO CONSERVA
Mario Galzigna, professore all’Università di Venezia- Dipartimento di Studi Umanistici, presenta l’edizione da lui
curata di “Storia della Follia” di Michel Foucault e dialoga con gli operatori e studenti sull’esperienza della follia.

Info: Le lezioni si svolgeranno presso Aula D della Facoltà di Sociologia, b.go Carissimi n.10, Parma, per un massimo di 30 partecipanti. I moduli sono accreditati ECM per un totale di 14 ore.
Per iscrizioni minglese@ausl.pr.it




Relatori e Docenti

PIETRO BARBETTA
professore associato di teorie psicodinamiche
Università di Bergamo, didatta Centro
Milanese di Terapia della Famiglia

MARIO CARDANO
sociologo e docente presso l’Università di Torino

GIACOMO CONSERVA
psichiatra e psicoterapeuta, direttore UOC Area Montana,
DAI SM-DP AUSL di Parma

PAOLA DONATI
direttrice Fondazione Teatro Due

CRISTINA FACCINCANI
psichiatra e psicoterapeuta, docente presso l’Università di Verona, docente alla scuola di psicoterapia esistenziale Gaetano Benedetti

MARIO GALZIGNA
filosofo ed epistemologo, docente presso l’Università Cà Foscari di Venezia

MARIA INGLESE
psichiatra, DAI SM-DP AUSL di Parma

SERGIO MANGHI
sociologo e docente presso l’Università di Parma

ANTONELLA MOSCATI
filosofa e scrittrice, cura le edizioni Cronopio

VINCENZA PELLEGRINO
sociologa e docente presso l’Università di Parma e presso la S.I.S.S.A. di Trieste

La rassegna, promossa dall’Azienda USL e dalla Facoltà di Sociologia dell’Università di Parma, in collaborazione con Fondazione Teatro Due e con il sostegno del Corso di Laurea in Infermieristica, è ideata e curata da Maria Inglese e Vincenza Pellegrino.- Le immagini utilizzate appartengono all’Atelier Asfodelo (DAI SM-DP - AUSL Parma). In copertina ‘Mulino bianco’, di Nicoletta Cocconi, pennarello nero su carta, 50x70, 2010; all’interno ‘Vanadium Pulsar’, ‘Dashawk’, ‘Hornet’, di Mattia Fiordispino, tecnica mista, 2011

Nessun commento:

Posta un commento